Skip to content

IL CONTO CORRENTE DI BASE

Gentile Cliente,

con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterLa a conoscenza che una Convenzione firmata tra Ministero delle Finanze, Abi, Poste Italiane spa, Banca d’Italia e l’Associazione italiana istituti di pagamento e di moneta elettronica, ha definito le caratteristiche del conto di base da offrire senza spese ed esente dal bollo, per i soggetti con un Isee annuo fino a 7.500 euro. Tale conto è offerto anche ai titolari di pensioni fino a 1.500 euro mensili, per i quali l’apertura e la gestione del conto per l’accredito e il prelievo della pensione sono offerti gratuitamente. Il conto corrente di base entrerà ufficialmente in vigore il 1° giugno 2012.

Premessa

In arrivo il conto corrente di base, un conto di pagamento pensato per chi ha limitate esigenze di operatività, aperto a tutti, ma offerto gratuitamente per le fasce svantaggiate, quelle cioè il cui ISEE non supera i 7.500 euro e per i pensionati titolari di trattamento pensionistico fino a 1.500 euro al mese. Un prodotto standard le cui caratteristiche sono state individuate in una convenzione sottoscritta da Ministero dell’Economia e delle Finanze, Banca d’Italia, Associazione Bancaria Italiana, Poste Italiane e l’Associazione degli Istituti di pagamento e moneta elettronica e che sarà offerto a partire dal 1° giugno 2012.

Il conto di base

Il conto di base si configura come un importante ed efficace strumento per realizzare un’effettiva partecipazione al mercato unico di tutti i consumatori. E’ uno strumento che s’inserisce nel quadro delle iniziative assunte dal Governo tecnico in tema di lotta al contante e di promozione di strumenti di pagamento più efficienti.

I destinatari del conto di base

I destinatari del conto in questione sono:

  • tutti i consumatori, inclusi quelli già clienti che hanno quindi già in essere un rapporto di conto corrente che rappresentano le fasce socialmente svantaggiate della clientela, con un Isee annuo non superiore a 7.500 euro, a cui il conto corrente è offerto senza spese e con l’esenzione dall’imposta di bollo;
  • i titolari di trattamenti pensionistici fino a 1.500 euro mensili, per i quali le spese di apertura e di gestione dei conti di base, destinati all’accredito e al prelievo della pensioni, sono gratuiti, ma rimangono a carico del pensionato in questione eventuali servizi aggiuntivi che richiede.

I servizi inclusi per i soggetti meno abbienti

Il conto di base include a fronte di un canone annuale comprensivo, un certo numero di operazioni annue che sono riportate nella tabella seguente.

Tipologie di servizi inclusi nel canone annuale del Conto di base Numero di operazioni annue incluse nel canone
Elenco movimenti 6
Prelievo contante allo sportello 6
Prelievo tramite ATM del prestatore di servizi di pagamento  o del suo Gruppo, sul territorio nazionale Illimitate
Prelievo tramite Atm di altro prestatore di servizi di pagamento sul territorio nazionale 12
Operazioni di addebito diretto nazionale o addebito diretto SEPA Illimitate
Pagamenti ricevuti tramite bonifico nazionale o Sepa 36
Pagamenti ricorrenti effettuati tramite bonifico nazionale o Sepa effettuati con addebito in conto 12
Pagamenti effettuati tramite bonifico nazionale o Sepa con addebito in conto 6
Versamenti contanti e versamenti assegni 12
Comunicazioni da trasparenza (incluso spese postali) 1
Invio informativa periodica (estratti conto e documenti di sintesi e spese postali) 4
Operazioni di pagamento attraverso carta di debito Illimitate
Emissione, rinnovo e sostituzione carta di debito 1

Le caratteristiche del conto

Il conto di base viene offerto senza spese, oneri o commissioni, ed è esente dall’imposta di bollo per i soggetti il cui Isee in corso di validità sia inferiore a 7.500 euro.

Viene fatta salva comunque la possibilità di addebitare ai clienti in questione, le spese per quelle operazioni che eccedono i limiti indicati nella tabella di cui sopra.

Gli adempimenti

I soggetti che possono fruire di questo conto a zero spese devono presentare al momento della richiesta di apertura del conto di base un’autocertificazione in cui attestano di non essere titolari di altro conto di base. I titolari di tale conto devono poi comunicare ogni anno, entro il 1° marzo, al prestatore di servizi di pagamento, l’autocertificazione attestante il proprio Isee in corso di validità.

Perdita dell’esenzione da spese e bollo

In caso di mancata attestazione entro il termine previsto ovvero se l’Isee attestato comporta la perdita dell’esenzione dalle spese e dall’imposta di bollo, il prestatore dei servizi di pagamento addebita le spese e ove applicabile, anche l’imposta di bollo, con decorrenza dal 1° gennaio dell’anno di riferimento.

I titolari di pensioni fino a 1.500 euro

Tra i destinatari del conto corrente di base figurano anche gli aventi diritto a trattamenti pensionistici fino a 1.500 euro mensili.

Essi in particolare hanno diritto a chiedere in alternativa:

  1. l’apertura di un conto di base che sia gratuito per la tipologia di servizi e il numero di operazioni indicate nella tabella sottostante;
  2. l’apertura di un conto gratuito che permetta solo la tipologia di servizi e il numero di operazioni indicate nella tabella sottostante, anche se viene fatta salva la possibilità di offrire un numero di operazioni superiore a quello indicato.

Tipologie di servizi offerti gratuitamente

Numero di operazioni annue
Elenco movimenti 6
Prelievo contante allo sportello 12
Prelievo tramite ATM del prestatore di servizi di pagamento o del suo Gruppo, sul territorio nazionale Illimitate
Pagamenti ricevuti tramite bonifico nazionale o Sepa (incluso accredito stipendio e pensione) Illimitate
Comunicazioni da trasparenza (incluse spese postali) 1
Invio informativa periodica (estratti conto e documenti di sintesi incluse spese postali) 4
Operazioni di pagamento attraverso carta di debito Illimitate
Emissione, rinnovo e sostituzione carta di debito 1

Gli adempimenti per i pensionati

I titolari di trattamenti pensionistici fino a 1.500 euro mensili devono presentare, al momento della richiesta di apertura del conto di base, un’autocertificazione in cui attestano di non essere titolari di altro conto di base, nonché di percepire trattamenti pensionistici complessivi fino all’importo di 1.500 euro. I titolari di questo conto inoltre devono comunicare ogni anno al prestatore di servizi di pagamento, entro il 1° marzo, l’autocertificazione che attesta il proprio trattamento pensionistico dell’anno, ai fini del mantenimento della gratuità del conto.

Perdita della gratuità del conto di base

La mancata attestazione entro il termine indicato o un trattamento pensionistico attestato che sia eccedente il limite di 1.500 euro al mese, comporta la perdita della gratuità a decorrere dal 1° gennaio dell’anno di riferimento.