Skip to content

IL CREDITO D’IMPOSTA DEL 35% PER L’ASSUNZIONE DI PERSONALE ALTAMENTE QUALIFICATO

Gentile Cliente,

Le inviamo la presente per comunicarLe che è stato introdotta un’agevolazione per le imprese, consistente nella possibilità di portare in compensazione in F24 il 35% del costo aziendale sostenuto per l’assunzione a tempo indeterminato di personale dotato di titoli accademici idonei (dottorato di ricerca conseguito in Italia o all’estero o laurea magistrale specifica impiegato in attività di R&S), a partire dal 26 giugno 2012.

Ogni impresa, a prescindere dalla tipologia di contabilità adottata o dalla dimensione aziendale, potrà proporre istanza per un importo massimo di 200.000 euro annui.

Le risorse stanziate sono pari a 25 milioni per il 2012 e 50 milioni per il 2013, fatta salva una riserva di 2 milioni per il 2012 e 3 milioni per il 2013 a favore delle zone colpite dal sisma in Emilia.

Riportiamo di seguito le caratteristiche principali dell’agevolazione e una check-list da compilare per informare lo Scrivente Studio della volontà di aderire al bonus.

 

Caratteristiche dell’incentivo e beneficiari

 

L’agevolazione viene concessa a seguito di nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato nella forma del credito d’imposta, pari al 35% del costo aziendale sostenuto per le assunzioni, con un limite massimo di 200.000 euro all’anno per ciascuna impresa.

Il testo normativo fa riferimento al “costo aziendale”. Si ritiene siano inclusi in tale ambito, dunque, tutti gli oneri di qualsiasi tipo, forma e natura sostenuti annualmente dal soggetto beneficiario del bonus per il personale dipendente oggetto del beneficio.

 

Il beneficio è riconosciuto a tutte le imprese, indipendentemente:

  • dalla forma giuridica assunta;
  • dalle dimensioni aziendali;
  • dal settore economico in cui operano;
  • dal regime contabile adottato.

 

Deve, quindi, ritenersi che destinatari del beneficio siano tutti i soggetti esercenti attività d’impresa, individuabili in base all’art. 55 del Tuir, indipendentemente dalla natura giuridica assunta.

 

 Modalità e termini saranno resi noti a breve

Una circolare ad hoc dell’Agenzia delle Entrate renderà noti modalità e contenuti per la presentazione delle istanze. Il Ministero, con apposito avviso sul sito, comunicherà i termini di inizio e fine dell’intervallo temporale per la presentazione delle domande.

 

Obbligo di asseverazione da allegare al bilancio

A carico dei beneficiari la norma prevede l’obbligo di predisporre apposita documentazione contabile, da allegare al bilancio:

  • certificata da un professionista iscritto al registro dei revisori contabili o dal collegio sindacale;
  • per le imprese non soggette a revisione contabile del bilancio e prive di un collegio sindacale devono comunque avvalersi della certificazione di un revisore dei conti o di un professionista iscritto al registro dei revisori contabili che non abbia avuto, nei tre anni precedenti, alcun rapporto di collaborazione o di dipendenza con l’impresa beneficiaria dell’aiuto.

Le spese sostenute per l’attività di certificazione contabile sono, in ogni caso, considerate ammissibili entro un limite massimo di 5.000 euro.

 

Fruizione del beneficio

Il credito d’imposta, una volta riconosciuto, è utilizzabile esclusivamente in compensazione, con F24 ai sensi dell’art. 17 del D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni.

L’art. 24 del “Decreto crescita” precisa al comma 2, che il credito deve essere indicato:

  • nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di maturazione del credito
  • nelle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi d’imposta nei quali lo stesso utilizzato.

Cause di decadenza

 

Il diritto a fruire del contributo decade:

  • se il numero complessivo dei dipendenti è inferiore o pari a quello indicato nel bilancio presentato nel periodo d’imposta precedente all’applicazione del beneficio fiscale;
  • se i posti di lavoro creati non sono conservati per un periodo minimo di tre anni, ovvero di due anni nel caso delle piccole e medie imprese;
  • nei casi in cui vengano definitivamente accertate violazioni non formali, sia alla normativa fiscale che a quella contributiva in materia di lavoro dipendente per le quali sono state irrogate sanzioni di importo non inferiore a euro 5.000, oppure violazioni alla normativa sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori previste dalle vigenti disposizioni, nonché nei casi in cui siano emanati provvedimenti definitivi della magistratura contro il datore di lavoro per condotta antisindacale.

Ulteriore causa di decadenza, aggiunta in sede di conversione del Decreto in Legge n. 134/2012 (lett. b-bis) art. 24 comma 4), è quella che consiste nella delocalizzazione da parte dell’impresa beneficiaria in un Paese non appartenente all’Unione europea riducendo le attività produttive in Italia nei tre anni successivi al periodo di imposta in cui ha fruito del contributo.

Qualora sia verificata la fruizione indebita, anche parziale, del contributo il Ministero dello Sviluppo economico procede, ai sensi dell’art. 1, comma 6, del D.L. 25 marzo 2010, n. 40, convertito, con modificazioni, dalla Legge 22 maggio 2010, n. 73, al recupero del relativo importo, maggiorato di interessi e sanzioni secondo legge.

 

 

Il calendario per la presentazione delle istanze

Ÿ            Il Ministero dello Sviluppo economico, sul sito www.sviluppoeconomico.gov.it con avviso pubblico, comunicherà l’avvio della ricezione delle domande di agevolazione ed il termine del periodo di ricezione per esaurimento delle risorse. Le istanze presentate vengono successivamente vagliate per verificarne la formale ammissibilità

Ÿ            Per ognuna delle domande pervenute e dichiarate ammissibili viene riconosciuta l’agevolazione pari a un credito di imposta del 35%, che verrà poi rimodulato a seconda del numero di istanze giudicate ammissibili.

Ÿ            Il credito d’imposta così riconosciuto può essere utilizzato in compensazione in F24, con un codice tributo ad hoc probabilmente e andrà indicato a pena di decadenza nell’Unico relativo all’anno in cui è concesso e utilizzato.

Ÿ            I controlli sulla corretta fruizione vengono effettuati dal Ministero dello Sviluppo a posteriori.

Si propone di seguito una check-list che va riconsegnata allo scrivente Studio nel caso in cui foste interessati a presentare l’istanza per la richiesta del bonus. Si prega di far pervenire tale documento entro e non oltre il _______________2012, data ultima affinché possano essere elaborate con accuratezza le comunicazioni telematiche.

 

Check-list richiesta bonus del 35% ai sensi dell’art. 24 del D.L. 83/2012

(BONUS ASSUNZIONE PERSONALE ALTAMENTE QUALIFICATO)

 

1. Dati del richiedente
¨ ditta individuale
Denominazione/Ragione Sociale ____________________________________________
Cognome e Nome del titolare  ____________________________________________
Luogo di nascita ________________________ Data di nascita ________________
Codice Fiscale/Partita IVA   ________________________________________________
Indirizzo di residenza  _________________________________________________
Riferimenti telefonici      ________________________ Indirizzo E-mail _________________________________

 

¨ Società
Denominazione/Ragione Sociale ____________________________________________
Sede legale       _____________________________________________________________
Codice Fiscale/Partita IVA   __________________________________________________
Iscrizione CCIAA nel Registro delle Imprese    ___________________________________
Riferimenti telefonici  ______________________________________________________
Indirizzo E-mail  __________________________________________________________
Dati del rappresentante legale
Cognome e Nome    ________________________________________________________
Luogo di nascita ________________________________Data di nascita _____________
Riferimenti telefonici  _______________________________________________________
Indirizzo E-mail  ___________________________________________________________

 

2. Dati del personale assunto dal 26 giugno 2012
Cognome e Nome    ________________________________________________________
¨ Dottorato conseguito presso un’Università Italiana o estera      ____________________________

¨ Laurea magistrale (indicare il codice della tabella 1 riportata in calce all’informativa) _____________

¨      Nel caso di Laurea magistrale descrivere il progetto relativo alla ricerca e sviluppo: ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Data assunzione ________________________________ Tipologia di contratto: _________________________
Costo aziendale sostenuto: __________________

 

3. Asseverazione contabile
 

Per le imprese soggette a revisione contabile del bilancio e dotate di Collegio sindacale: 

Il sottoscritto chiede che, al fine dell’ottenimento del bonus, il dott. ______________________________ in qualità di:

  •  professionista iscritto al registro dei revisori contabili
  •  Membro/presidente del Collegio sindacale.

Predisponga la certificazione della documentazione contabile relativa al bonus prevista dall’art. 24 co. 8 e 9 del D.L. 83/2012, come mod. dalla L. 134/2012.

Il dott. ________________, dal canto suo, dichiara di essere consapevole che verranno applicate le disposizioni dell’articolo 64 del codice di procedura civile, in caso di colpa grave nell’esecuzione degli atti che gli sono richiesti  per il rilascio della certificazione. 

 

Per le imprese non soggette a revisione contabile del bilancio e prive di un collegio sindacale:

Il sottoscritto accetta, nelle more dell’ottenimento del bonus, che il dott. ______________________________ in qualità di:

  • revisore dei conti;
  • o di professionista iscritto al registro dei revisori contabili.

Predisponga la certificazione della documentazione contabile relativa al bonus prevista dall’art. 24 co. 8 e 9 del D.L. 83/2012, come mod. dalla L. 134/2012.

Il dott. ________________, dal canto suo , dichiara di non aver avuto, nei tre anni precedenti, alcun rapporto di collaborazione o di dipendenza con l’impresa beneficiaria dell’aiuto e ai sensi dell’art. 24 co. 10 del D.L. 83/2012 come mod. dalla L.134/2012 e di essere consapevole che verranno applicate le disposizioni dell’articolo 64 del codice di procedura civile, in caso di colpa grave nell’esecuzione degli atti che gli sono richiesti  per il rilascio della certificazione.

 

Luogo e Data _______________________________________________________

 

Firma del rappresentante legale     ________________________________

 

Firma del revisore o professionista incaricato alla certificazione ___________________________

 

 

Tabella 1) Elenco delle lauree magistrali, in discipline di ambito tecnico o scientifico, che danno diritto all’incentivo:

LM-12 Design
LM-13 Farmacia e farmacia industriale
LM-17 Fisica
LM-18 Informatica
LM-20 Ingegneria aerospaziale e astronautica
LM-21 Ingegneria biomedica
LM-22 Ingegneria chimica
LM-23 Ingegneria civile
LM-24 Ingegneria dei sistemi edilizi
LM-25 Ingegneria dell’automazione
LM-26 Ingegneria della sicurezza
LM-27 Ingegneria delle telecomunicazioni
LM-28 Ingegneria elettrica
LM-29 Ingegneria elettronica
LM-30 Ingegneria energetica e nucleare
LM-31 Ingegneria gestionale
LM-32 Ingegneria informatica
LM-33 Ingegneria meccanica
LM-34 Ingegneria navale
LM-35 Ingegneria per l’ambiente e il territorio
LM-4 Architettura e ingegneria edile – architettura
LM-40 Matematica
LM-44 Modellistica matematico-fisica per l’ingegneria
LM-53 Scienza e ingegneria dei materiali
LM-54 Scienze chimiche
LM-6 Biologia
LM-60 Scienze della natura
LM-61 Scienze della nutrizione umana
LM-66 Sicurezza informatica
LM-69 Scienze e tecnologie agrarie
LM-7 Biotecnologie agrarie
LM-70 Scienze e tecnologie alimentari
LM-71 Scienze e tecnologie della chimica industriale
LM-72 Scienze e tecnologie della navigazione
LM-73 Scienze e tecnologie forestali ed ambientali
LM-74 Scienze e tecnologie geologiche
LM-75 Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio
LM-79 Scienze geofisiche
LM-8 Biotecnologie industriali
LM-82 Scienze statistiche
LM-86 Scienze zootecniche e tecnologie animali
LM-9 Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche
LM-91 Tecniche e metodi per la società dell’informazione